giovedì 11 dicembre 2014

La mafia a Matera e la D.ssa Celestina Gravina

Operazione antimafia con l'arresto di 8 presunti boss legati alla potente famiglia Italoamericana dei Gambino ed alla 'ndrangheta calabrese.
Milano, Matera, Trapani e New York, gracchia la radio e, nel dormiveglia, la notizia di un’operazione congiunta tra la polizia italiana e quella americana, immediatamente costringe ad un sussulto di coscienza: la mafia a Matera?


È un “tema sensibile”, poiché oggetto anche di una stucchevole serie di dichiarazioni e prese di posizione del Procuratore Capo, D.ssa Celestina Gravina, che ne escludeva decisamente l'esistenza arrivando a dialettizzare con la Direzione Nazionale Antimafia e con la Commissione Bicamerale per la Lotta alle Mafie.
Celestina Gravina
Ascoltare quanto dichiara la D.ssa Celestina Gravina il 24 giugno 2014 alla Commissione Antimafia e la lapidaria risposta della Presidente Sen. Rosy Bindi non necessita di ulteriori commenti: http://www.radioradicale.it/scheda/414753/commissione-parlamentare-di-inchiesta-sul-fenomeno-delle-mafie-e-sulle-altre-associazioni-criminali-anche-
Rosy Bindi
Fortunatamente, per i materani e per la “salute pubblica”, la Procura Distrettuale Antimafia di Potenza (D.ssa Laura Triassi) le indagini le fa ed attua una corretta politica di collaborazione con gli inquirenti delle altre Procure Italiane e (nel caso specifico) con gli inquirenti d'oltre oceano.
Presumere l'inesistenza della mafia e, conseguentemente, non coordinarsi con le specifiche istituzioni preposte a combatterla, comporta una grave assunzione di responsabilità che, confidiamo, gli organismi competenti si decideranno a considerare.
Dettagli sull'operazione condotta dalle Procure Distrettuali Antimafia di Potenza e Reggio Calabria in coordinamento con la FBI statunitense sono consultabili su...