domenica 25 gennaio 2015

Piccenna e la diffamazione che non c'è: Felicia Genovese

Proc. Pen. 1775/2006 RGNR Catanzaro: querelanti Genovese Felicia e Cannizzaro Michele


Procedimento sorto in seguito alla querela, per diffamazione a mezzo stampa, presentata il 9/5/2006 da Felicia Genovese (all'epoca sostituto procuratore in servizio presso la Procura Distrettuale Antimafia di Potenza) ed integrata dalla successiva querela del19/10/2006 a firma della stessa Genovese e di Michele Cannizzaro (all'epoca direttore generale dell'Azienda Ospedaliera "San Carlo" di Potenza), suo marito.
Gli articoli querelati erano stati pubblicati sul "Giornale della Sera" numero di aprile 2006: "Cuginanze Giudiziarie" e sul settimanale "Il Resto" del 23/9/2006 "Alla resa dei conti".
Dopo la conclusione delle indagini, 16/2/2007 a meno di 4 mesi dall'ultima querela, il PM a chiede il rinvio a giudizio per il giornalista ed il Direttore Responsabile.

Il 7/2/2008, il Giudice dell'Udienza Preliminare dichiara il non luogo a procedere perché il fatto non sussiste:"Ne consegue l'inconfigurabilità del reato contestato, in presenza di tutti i presupposti per l'applicabilità dell'esimente del legittimo esercizio del diritto di cronaca e di critica nei confronti dell'operato degli organi giudiziali (verità del fatto, continenza del linguaggio, interesse generale alla conoscenza della notizia, assenza di pretestuosi attacchi morali alla persona...".
La sentenza è irrevocabile!

2006-05-09_PP1775-Cz_prima_querela
2006-10-19_PP1775-Cz_seconda_querela
2007-02-16_PP1775-Cz_avviso_conclusione_indagini
2008-02-07_PP1775-Cz_sentenza_proscioglimento


Giornale della Sera (Aprile 2006): "Cuginanze Giudiziarie"