sabato 27 dicembre 2008

Oooops! Mi sono perso una puntata?

Il segretario dell'Associazione Nazionale Magistrati, tale Dr. Giuseppe Cascini, comincia ad essere più noto. Ovviamente non mi riferisco alle informazioni sensibili, quelle private e tutelate dalle leggi del caso, bensì alle informazioni su chi sono i suoi parenti, che ruoli hanno nella pubblica amministrazione, come entrano suoi omonimi nelle vicende giudiziarie "curate" dal Dr. Luigi de Magistris. Insomma, tutte quelle notizie che ci fanno capire di più. Ci fanno pensare di più. Potrebbero anche farci indignare di più, se non avessimo esaurito tutta la nostra indignazione negli ultimi due anni. Da quando, cioè, è stato aperto il più rilevante procedimento giudiziario della storia repubblicana, quello contro magistrati, ministri, ispettori e politici che impediscono ad altri magistrati di indagare sulla cupola politico-massonica che vorrebbe controllare totalmente la Repubblica Italiana. Il nodo è solo questo, semplicemente questo. Terribilmente banale. Questa battaglia, l'hanno ciamata "guerra tra procure" oppure "guerra tra bande di magistrati" ma non è così. Ci sono alcuni magistrati che svolgono il loro lavoro ed altri, i delinquenti, che tentano di ostacolarli. E' la solita storia, solo un po' più chiara perché alcuni coraggiosi giornalisti la scrivono in tempo reale e tutti possono leggerla. Ecco perché la battaglia finirà con la "sconfitta" dei delinquenti, perché "loro" cominciano a perdere nel momento stesso in cui la gente comincia a conoscere la verità. Ringrazio Carlo Vulpio per l'opera d'informazione coraggiosa e infaticabile. Leggete pure tutto, ma partendo dall'incredibile storia di Giuseppe Cascini, segretario dell'ANM e molto altro. http://www.carlovulpio.it/ ("vento forte tra Salerno e Catanzaro/1")